Loading
Se hai dimenticato la password clicca qui!
Home / Media & Press / Colletta Alimentare 2015: Despar Nordest aderisce con 188 supermercati

26.11.2015

Colletta Alimentare 2015: Despar Nordest aderisce con 188 supermercati

Come ogni anno Aspiag Service, la concessionaria del marchio Despar per il Nordest, aderisce alla Colletta Alimentare, promossa dalla Fondazione Banco Alimentare, che si terrà sabato 28 novembre.

I volontari del Banco riusciranno a essere presenti in ben 188 delle 218 filiali Despar, Eurospar e Interspar che l’azienda gestisce nel Triveneto e in Emilia Romagna.

Qualche giorno fa abbiamo ricevuto la telefonata di uno dei nostri store manager”, racconta Federica Coppo, che per Despar Nordest cura le iniziative di marketing sociale, “preoccupato perché, all’avvicinarsi della data, i volontari del Banco Alimentare non si erano ancora presentati nel suo supermercato per organizzare la raccolta. È un bel segnale di come questa manifestazione sia sentita e partecipata nella nostra azienda, sia dai colleghi che dai clienti.”

La Colletta Alimentare, per Despar Nordest, è parte di un processo virtuoso che mira a ridare valore al cibo, spiega ancora Coppo: “La condivisione promossa dalla Colletta, per noi, va di pari passo con la riduzione degli sprechi alimentari e il recupero della merce non più vendibile”.

Grazie alla collaborazione proprio con Banco Alimentare e altri enti come Last Minute Market, Despar Nordest è infatti impegnata da tempo nel recupero e ridistribuzione dei prodotti alimentari invenduti.

Nel 2014, l’azienda ha recuperato dai propri scaffali e rimesso virtuosamente in circolo circa 390 tonnellate di prodotti alimentari non più vendibili anche se ancora commestibili, per un valore complessivo di circa 2.500.000 euro.

Da gennaio a novembre 2015 sono state già aiutate oltre 200 Onlus e recuperate 450 tonnellate di prodotti, per un valore commerciale di quasi 3.000.000 euro.

 “L’impegno che ci siamo presi per il 2015”, conclude Coppo, “è quello di estendere il recupero di prodotti a tutte le nostre filiali Despar, Eurospar e Interspar nel Nordest. A tutt’oggi il 96% dei nostri supermercati è ‘connesso’ ad almeno una Onlus, che regolarmente preleva e ridistribuisce la merce non più commercializzabile.

Come Azienda vogliamo essere protagonisti sempre più attivi di un processo virtuoso di eliminazione degli sprechi alimentari e di informazione e formazione verso i nostri collaboratori ed i nostri clienti”.