Loading
Se hai dimenticato la password clicca qui!
Home / Media & Press / Ca’ Foscari e Interspar: Bike The Nobel (con menzione di merito al monopattino)

19.02.2016

Ca’ Foscari e Interspar: Bike The Nobel (con menzione di merito al monopattino)

Amichevole incontro tra “vicini di casa”, questa mattina a Mestre, nell’ambito dell’ormai storica campagna nazionale “M’illumino di meno” lanciata dalla trasmissione radiofonica Caterpillar (Rai Radio2): studenti, docenti, personale tecnico e amministrativo del Campus Scientifico dell’Università di Ca’ Foscari, che sorge in via Torino 155, hanno percorso in bicicletta (qualcuno addirittura in monopattino) la distanza che separa la moderna sede accademica dall’altrettanto moderno superstore Interspar in Corso del Popolo, dove sono stati accolti dallo store manager Luca Valenti per un saluto a nome di Aspiag Service, la concessionaria Despar per il Nordest che gestisce il punto vendita.

L’incontro nasce dall’iniziativa simbolica del Campus Scientifico (che comprende il Dipartimento di Scienze Ambientali, Informatica e Statistica e il Dipartimento di Scienze Molecolari e Nanosistemi), che ha invitato tutto il personale – impegnato quotidianamente con le buone pratiche del risparmio energetico – a recarsi in bicicletta al lavoro per aderire al tema proposto quest’anno dalla manifestazione: “Bike the Nobel”, ovvero la candidatura della bicicletta a Premio Nobel della Pace, come simbolo della mobilità sostenibile.

Davanti alla facciata dell’Interspar (nato dalla riqualificazione dell’area dove sorgeva l’ex deposito dei mezzi Actv), le due realtà, quella accademica e quella commerciale - per molti versi agli antipodi – hanno scoperto di avere più di qualche tratto in comune: per esempio, l’attenzione per le “buone pratiche”.

Noi di Despar Nordest”, spiega l’Ufficio Stampa dell’azienda, “portiamo avanti dal 2013 una politica ambientale che favorisce un uso efficiente dell'energia e delle risorse; la diminuzione delle emissioni di gas a effetto serra: la riduzione, il riutilizzo, il recupero e il riciclo dei rifiuti; la promozione del rispetto dell'ambiente lungo tutta la filiera dal produttore al consumatore. Puntiamo inoltre a favorire comportamenti responsabili attraverso l'informazione e la sensibilizzazione di clienti e collaboratori, garantendo a questi ultimi anche la formazione e la conoscenza delle prescrizioni di legge. Tutto ciò ci ha portato ad ottenere nel 2013 la certificazione ambientale ISO 14001, il cui perimetro comprenderà entro la fine di quest’anno le nostre due centrali di Mestrino e Udine, e ben 18 dei nostri ipermercati Interspar”.

Da parte sua, Ca’ Foscari ha integrato dal 2010 la sostenibilità in tutti i suoi ambiti organizzativi sviluppando così un modello di gestione sostenibile per quanto riguarda la sfera ambientale, sociale ed economica in cui risulta di fondamentale importanza un consolidamento di valori e modelli manageriali  destinati ad incidere lo sviluppo dei processi. Si tratta di un percorso che prevede la definizione di obiettivi di sostenibilità e la misurazione e valutazione dei risultati. L’Università mira in questo modo ad un miglioramento del proprio impatto sulla comunità aumentando la trasparenza e la propria credibilità, attraverso una comunicazione chiara ed aperta delle priorità, dei principi e valori dell’Ateneo.