Loading
Se hai dimenticato la password clicca qui!
Home / Media & Press / Eurospar apre a Camisano Vicentino: trentacinque neoassunti e tanta attenzione per l’ambiente

30.11.2017

Eurospar apre a Camisano Vicentino: trentacinque neoassunti e tanta attenzione per l’ambiente

Malgrado le temperature in calo, l’autunno di Aspiag Service continua a essere particolarmente caldo: a pochi giorni dall’apertura del primo Interspar a Bologna e di un nuovo supermercato Despar nel cuore di Padova, l’azienda ha inaugurato giovedì 30 novembre un punto vendita Eurospar a Camisano Vicentino (VI).

Il taglio del nastro è stato affidato al Sindaco di Camisano, Eleutherios Prezalis, accanto ai vertici di Despar Nordest.

Costruito utilizzando imprese locali e secondo un format caratteristico per Despar Nordest, il nuovo Eurospar è il luogo di lavoro per 43 persone, trentacinque delle quali sono nuove assunzioni da parte dell’azienda (che in tutto conta quasi ottomila collaboratori, tra le persone impiegate nei 228 supermercati di proprietà e quelle che lavorano nei centri logistici e nelle tre sedi di Padova, Udine e Bolzano).

A dirigere la squadra è una donna, Paola Vudafieri, forte di un’esperienza già consolidata nel ruolo di store manager.

Il nuovo supermercato – che sarà aperto ogni giorno dalle 8 alle 20:30 - ha una superficie di vendita di 1.450 metri quadri servita da 8 casse. Al suo interno trovano spazio circa 15.000 referenze prevalentemente alimentari.

Come per le aperture più recenti di Despar Nordest, anche l’Eurospar di Camisano opta per un servizio “faccia a faccia” con il cliente: dietro al banco carne c’è il macellaio in grado di consigliare e procurare il taglio richiesto, così come avviene per il pane fresco.

Nell’epoca delle relazioni virtuali, abbiamo scelto la personalizzazione del servizio, grazie all’unico ‘asset’ che abbiamo in esclusiva e che nessun competitor potrà mai copiare: i nostri collaboratori”, spiega Francesco Montalvo, amministratore delegato di Aspiag Service, nella cui area di responsabilità ricade tutta la rete vendite dell’azienda.

All’esterno del supermercato, un parcheggio esclusivo mette a disposizione dei clienti 124 posti auto.

Attenzione all’impatto ambientale

Oltre alle caratteristiche e prestazioni ‘evidenti’, il nuovo punto di vendita si fa apprezzare per la sua anima ‘green’ e per l’adozione di impianti a basso impatto ambientale e all’insegna dell’efficienza nei consumi.

L’edificio – realizzato in appena sei mesi dall’apertura del cantiere - è infatti in classe energetica A3: una classificazione che certifica il più alto livello di efficienza energetica.

Un piccolo impianto fotovoltaico fornisce parte dell’energia elettrica necessaria al punto vendita: il resto, come per tutti i negozi di Despar Nordest, è energia certificata verde.

Il calore prodotto dai banchi frigo è interamente recuperato, in parte per la produzione di acqua calda a uso sanitario, e in (gran) parte per la climatizzazione: un impianto ad alta efficienza energetica in pompa di calore reversibile (caldo / freddo) fa sì che il negozio non abbia nessuna centrale termica e linea di adduzione del gas. L’impianto di refrigerazione alimentare è “transcritico”: in poche parole, grazie all’uso di CO2, è più efficiente ed ecologico.

L’illuminazione, come in tutte le nuove aperture e le ristrutturazioni di Aspiag Service, è totalmente Full-Led, sia all’interno sia all’esterno del punto vendita.

Gli impianti sono controllati 24 ore al giorno grazie a un sistema di telegestione e controllo da remoto, che tiene monitorato il consumo energetico e rileva in tempo reale anche eventuali malfunzionamenti (che potrebbero per esempio portare a un’interruzione della catena del freddo).

Siamo consapevoli che la grande distribuzione è uno degli elementi che più contribuiscono a definire il volto del territorio e delle città in cui viviamo e lavoriamo”, conclude l’AD Montalvo, “per questo ci siamo dati come priorità quella di essere una presenza di qualità, e di inserirci nel territorio rispettandone le esigenze, tutelando l’ambiente e crescendo in sintonia con le comunità locali”.