Home  |  Press  |  Despar dona dodicimila euro a Fondazione Città della Speranza

31.05.2019

DESPAR a fianco della Fondazione Robert Hollman, nella realizzazione di un parco inclusivo

29.05.2019

Despar punta a promuovere i prodotti del distretto di Monselice e Padova Sud

10.05.2019

Con "Hillary" di Kenneth Goldsmith l'arte contemporanea entra a Despar Teatro Italia

29.03.2019

Il 2018 di Despar Aspiag Service: 2,25 miliardi di fatturato, 15 nuovi punti vendita e 194 posti di lavoro in più.

28.02.2019

Da Despar oltre cinquantaduemila euro per l’Associazione Italiana Sclerosi Multipla

Leggi tutte
FRANCESCA GUGLIELMI
RESPONSABILE UFFICIO STAMPA
Via Galilei 29 | 35035 Mestrino | Tel: +39 049 9009311
12.07.2018

Despar dona dodicimila euro a Fondazione Città della Speranza

DOWNLOAD Despar dona dodicimila euro a Fondazione Città della Speranza

Negli anni sessanta, la medicina riusciva a salvare il 30% dei bambini ammalati di leucemia: grazie alla ricerca, oggi la percentuale di guarigioni è salita all’85%. L’obiettivo del 100% è vicino, ma per raggiungerlo è necessario sostenere ancora il lavoro di medici e ricercatori.

È questo il senso della donazione di 12.165,29 euro che Aspiag Service (Despar Nordest) ha consegnato giovedì 12 luglio a Franco Masello e Stefania Fochesato, rispettivamente Presidente e Segretario della Fondazione Città della Speranza.

Per il marchio con l’abete erano presenti Valentina Sarti (area Marketing / CSR) e Giuditta Michieli (category manager dolciario).

L’importo è frutto della vendita delle colombe in confezioni personalizzate Città della Speranza, in alcuni supermercati Despar, Eurospar e Interspar del Veneto, durante le ultime festività pasquali. I dolci erano a scaffale a dieci euro al pezzo, e l’intero ricavato è stato donato alla Fondazione.

Fabio Donà, direttore marketing di Despar: “La generosità con cui i nostri clienti hanno risposto a questa iniziativa ci consente una volta di più di supportare la preziosa attività di Fondazione Città della Speranza. Ne siamo felici, perché il sostegno alla ricerca e alle attività di cura è parte fondamentale del nostro impegno a restituire valore al territorio e alle comunità in cui operiamo”.


...
Continua a leggere