Home  |  Press  |  Aperto a Venezia il supermercato più bello d'Italia

23.05.2017

Udine, “Despar Festival ‘17”: riflettori sul patrimonio enogastronomico del Friuli Venezia Giulia

19.05.2017

Udine, arriva il “Despar Festival ‘17”

08.05.2017

“Domani, Ora”: per Despar è tempo di TEDx Padova

03.05.2017

Despar si tinge di rosa, e corre con le donne a Padova

21.04.2017

La Pina presenta “I love Tokyo” all’Ipercity di Albignasego

Leggi tutte
MICHELA POLES
RESPONSABILE UFFICIO STAMPA
Via Galilei 29 | 35035 Mestrino | Tel: +39 049 9009311
28.12.2016

Aperto a Venezia il supermercato più bello d'Italia

DOWNLOAD Aperto a Venezia il supermercato più bello d'Italia

Un semplice taglio del nastro alla presenza del personale e di qualche cliente curioso, presentatosi all’ingresso con largo anticipo rispetto all’inizio dell’attività: è stato inaugurato così, oggi alle 8, il supermercato Despar nell'ex Cinema Teatro Italia, di proprietà della famiglia Coin.

Aspiag Service (la concessionaria Despar per il Nordest) ha investito oltre due milioni e mezzo di euro nel restauro e nell’allestimento del palazzo; una somma analoga è stata investita dalla proprietà. Tutto per evitare che un gioiello del neogotico e del liberty d’inizio Novecento, in disuso ormai da decenni, finisse in completo decadimento.

Il restauro dell'immobile è stato condotto in stretta collaborazione e sotto il controllo della Sovrintendenza, così come l'allestimento del supermercato: le soluzioni ricercate per scaffali, illuminazione e impianti hanno infatti tenuto conto della necessità di preservare l'integrità delle sale e delle decorazioni.

Despar ha esperienza in questo senso: è già presente in palazzi storici a Trento, Verona e Vicenza. Il caso più significativo è senz’altro quello dell'Eurospar inaugurato nel 2014 a Trento, nel rinascimentale Palazzo Nogarola Guarenti: anche in quel caso ci fu da parte dell’azienda un investimento di circa tre milioni di euro, e l’impegno a proteggere e preservare le opere d’arte all’interno dell’immobile.

Il rispetto per il bene artistico e storico in cui è inserito il nuovo supermercato veneziano si concretizza nell'adozione di impianti a ridotto impatto ambientale: per esempio illuminazione full LED, posizionata direttamente sugli scaffali, per non danneggiare in alcun modo la struttura e gli affreschi; recupero totale del calore prodotto dai motori dei banchi frigo, per il riscaldamento e per la produzione di acqua calda a uso sanitario; impianto di trattamento dei vapori per l'abbattimento di odori e emissioni; porte sui banchi e murali frigo per ridurre i consumi e limitare le dispersioni di temperatura e umidità.

L’adozione di scaffalature basse, con la struttura in legno, garantisce anche un agevole accesso visivo alla bellezza della sala.

L’area di vendita è circoscritta in 580 metri quadri, in cui trova spazio un assortimento di circa 8700 referenze, quasi esclusivamente alimentari. Il supermercato è servito da 7 casse, di cui 4 automatiche (ma reversibili, cioè trasformabili all'occorrenza in casse tradizionali).

Orari di apertura lunghi: dalle 8 alle 21, sette giorni su sette. Per garantire continuità di servizio ai clienti e al tempo stesso il riposo dei dipendenti, l’organico del supermercato è più nutrito di quanto normalmente lo sia quello di un punto vendita delle stesse dimensioni: ci lavoreranno infatti 41 persone, ben 35 delle quali sono nuove assunzioni.

Il negozio è pensato per incontrare sia le esigenze dei residenti (tutto il necessario per una spesa quotidiana) che quelle di turisti, pendolari e studenti (con molti prodotti anche in take away). Nei prossimi mesi dovrebbe partire il servizio di consegna della spesa a domicilio; da subito sarà invece attivo un servizio di prenotazione per gastronomia, pane e pasticceria.

Così Marino Fineschi, Amministratore Delegato di Despar Nordest: “Sappiamo che alcuni veneziani avrebbero preferito per il Teatro Italia una destinazione diversa. Crediamo però che, scegliendo la nostra azienda, la proprietà si sia assicurata un partner consapevole del privilegio e della responsabilità derivanti da questa eccezionale collocazione: avremo cura del Teatro Italia”.

...
Continua a leggere