Loading
Se hai dimenticato la password clicca qui!
Home / Media & Press / ASSEGNATI I PREMI DI LAUREA “DESPAR ASPIAG SERVICE SRL” A QUATTRO TESI DEDICATE A TEMI DELL’AGE MANAGEMENT, DELL’INCLUSIONE E DELLA SOSTENIBILITA’ SOCIALE

15.04.2022

ASSEGNATI I PREMI DI LAUREA “DESPAR ASPIAG SERVICE SRL” A QUATTRO TESI DEDICATE A TEMI DELL’AGE MANAGEMENT, DELL’INCLUSIONE E DELLA SOSTENIBILITA’ SOCIALE


ASSEGNATI I PREMI DI LAUREA “DESPAR ASPIAG SERVICE SRL”

A QUATTRO TESI DEDICATE A TEMI DELL’AGE MANAGEMENT, DELL’INCLUSIONE E DELLA SOSTENIBILITA’ SOCIALE

 

·      L’iniziativa promossa da Aspiag Service in collaborazione con l’Università di Padova racconta i valori della diversity e dell’inclusione come vantaggio competitivo per le imprese e come nuova modalità di gestione delle risorse umane, in linea con gli obiettivi dell’Agenda ONU 2030

 

·      Presentato anche il progetto pilota “La spesa che Impresa!”, il percorso formativo promosso da Aspiag Service in tre punti vendita padovani, per fornire ai collaboratori gli strumenti per relazionarsi con persone fragili o in difficoltà

 

Padova (PD), 15 aprile 2022 – Formazione, inclusione, valorizzazione delle differenze, coinvolgimento e gestione innovativa delle risorse umane, sostenibilità sociale: sono queste alcune delle parole chiave che rappresentano le quattro tesi a cui sono stati assegnati oggi i premi di laurea “Despar Aspiag Service srl”.

 

Il premio, alla sua prima edizione, è promosso da Aspiag Service, concessionaria del marchio Despar per il Triveneto, l’Emilia Romagna e la Lombardia, in collaborazione con l’Università degli Studi di Padova e prevede l’assegnazione di quattro premi di laurea dell’importo di 1.500 euro ciascuno a candidati iscritti ai corsi di Laurea Magistrale e Magistrale a ciclo unico dell’ateneo patavino afferenti alle Scuole di Scienze Umane, sociali e del patrimonio culturale, Psicologia e Economia e scienze politiche.

 

Due le categorie del premio riservate alle migliori tesi compilative o di ricerca: la prima sulla promozione di percorsi di sviluppo formativo e professionale finalizzati a sostenere gli aspetti motivazionali e di coinvolgimento attivo delle risorse umane, considerato il progressivo innalzamento dell'età media della popolazione lavorativa impiegata. La seconda sul contributo che la funzione Risorse Umane può fornire nel verificare l’aderenza a standard di gestione dei collaboratori, in termini di inclusione occupazionale e di tutela della diversity e nel rispetto delle pari opportunità di trattamento del personale impiegato in azienda, al fine di rendere operativi gli obiettivi di sostenibilità nelle imprese.

 

Ad aggiudicarsi i premi, tra i 29 lavori presentati, sono state, nella prima categoria, Laura Poli del Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Sociale, del Lavoro e della Comunicazione con la tesi ‘Riflettere sul sé lavorativo futuro: riflessioni a seguito di un’esperienza online’ , mentre, nella seconda categoria, Sara Crosta del Corso di Laurea Magistrale in Entrepreneurship and Innovation  con la tesi ‘ Sustainable Human Resource Management’  Fabiana Trapani del Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Sociale, del Lavoro e della Comunicazione con la tesi ‘ Diversità nel contesto di lavoro: atteggiamenti verso le persone LGBT e Denise Zucchini del corso di Laurea Magistrale in Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione con la tesi ‘Lo sviluppo professionale inclusivo e sostenibile in un gruppo di persone con vulnerabilità’.

 

La giuria che ha selezionato le tesi vincitrici è composta dai professori dell’Università di Padova Laura Dal Corso, Paolo Gubitta e Daniele Marini e da due rappresentanti di Aspiag Service, Katia Moletta, Direttore selezione, formazione e sviluppo, e Giovanni Maria Prato, Responsabile Selezione sedi amministrative.

 

Katia Moletta, Direttore selezione, formazione e sviluppo di Aspiag Service, ha commentato: “Abbiamo pensato a questo premio insieme all’Università di Padova, perché siamo profondamente convinti che il legame e le interconnessioni tra università e impresa debbano essere sempre più rafforzati e che dalla contaminazione tra questi due mondi possano nascere nuove idee, proposte e progetti capaci di alimentare i percorsi di innovazione delle imprese. Per questo premio abbiamo scelto di concentrarci su alcuni temi come l’inclusione, la valorizzazione delle differenze e la sostenibilità sociale su cui la nostra azienda crede molto e su cui è impegnata

in prima linea ogni giorno sia con iniziative dirette ai propri collaboratori, che alle persone che scelgono i nostri punti vendita, oltre che attraverso campagne, charity e attività di marketing sociale che danno sostanza ai valori di prossimità, inclusione e partecipazione che Aspiag Service ha scelto come punti cardine della propria azione”.

 

Matilde Girolami, Prorettrice al Diritto allo Studio dell’Università di Padova, ha aggiunto: “L’Università di Padova è sempre lieta di contribuire alla realizzazione di iniziative come questa, che permettono di valorizzare gli studenti più bravi e toccano temi fondamentali per il progresso umano ed economico del mondo lavorativo nel quale gli studenti stessi si immettono dopo il conseguimento del diploma di laurea. L’interazione con la realtà imprenditoriale fornisce spunti preziosi e occasioni di approfondimento ai quali l’Ateneo tiene particolarmente nell’ottica di diffondere un sapere che sia sempre al passo con le dinamiche del tempo corrente.”.

 

Il progetto “La spesa che Impresa!”

 

La premiazione è stata anche l’occasione per presentare “La spesa che Impresa!”, un progetto pilota promosso da Aspiag Service per fornire ai collaboratori dei punti vendita gli strumenti per relazionarsi con persone fragili o in difficoltà, soprattutto anziani.

 

Nei primi mesi del 2021, l’azienda infatti ha attivato, in via sperimentale, un corso di formazione rivolto a una decina di collaboratori di tre punti vendita padovani tenuto da psicologi esperti in fragilità, con l’obiettivo di fornire ai partecipanti gli strumenti per relazionarsi e supportare anche nel semplice atto del fare la spesa le persone che possono manifestare comportamenti anomali, un atteggiamento di spaesamento e confusione, individuando le modalità e i comportanti da adottare per entrare in relazione con queste persone nel modo più corretto ed efficace.

 

Katia Moletta, Direttore selezione, formazione e sviluppo di Aspiag Service, ha commentato: “L’idea di questo progetto pilota è nata durante la fase più acuta della pandemia quando sia nel corso dei periodi di lockdown che nei momenti di limitazioni meno restrittive, il supermercato è diventato uno spazio sociale di incontro e condivisione, in particolare per le persone anziane con alcune fragilità. Partendo dall’osservazione della realtà e dalla crescente consapevolezza che anche i nostri collaboratori nei punti vendita erano stati investiti di un ruolo sociale sempre più profondo, abbiamo scelto di attivare questo percorso di formazione per offrire loro gli strumenti per imparare a riconoscere le persone fragili, entrare in relazione con loro e gestire queste situazioni con sempre maggiore efficacia. I risultati della sperimentazione sono stati molto soddisfacenti, per questo il progetto sta proseguendo con successo in altri sette punti vendita di Padova  e presto sarà allargato anche ad altre città e regioni dove la nostra azienda è presente, confermando l’impegno di Aspiag Service per lo sviluppo e la formazione dei propri collaboratori, così come per il benessere delle persone e l’attenzione alle comunità in cui si inserisce”.

 

 

***

 

 

Contatti per la stampa:

 

Aspiag Service - Despar

Francesca Furlan
Ufficio Stampa Despar Veneto e Emilia Romagna

Tel. Ufficio: +39 049 9009285

Cell.: +39 338 719 9599

francesca_furlan@despar.it

 

 

Università di Padova

Ufficio Stampa

Tel 049-8273066/3041

stampa@unipd.it

 

Francesca Guglielmi

Ufficio Stampa Despar Veneto e Emilia Romagna

Tel. Ufficio+39 049 9009285

Cell.: +39 335 720 4707

francesca_guglielmi@despar.it

 

 

 

 

 

 

APPENDICE

 

Le tesi vincitrici dei premi “Despar Aspiag Service srl” e le motivazioni della giuria

 

Laura Poli

“Riflettere sul sé lavorativo futuro: riflessioni a seguito di un’esperienza online”

Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Sociale, del Lavoro e della Comunicazione

Motivazione: “La tesi è pienamente coerente con il tema indicato dal bando, esplicito il riferimento all’age management. Si caratterizza inoltre per l’originalità nella scelta delle dimensioni indagate, relative alle risorse, in termini formativi, e per le potenziali ricadute nel contesto lavorativo

 

Sara Crosta

“Sustainable Human Resource Management”

Corso di Laurea Magistrale in Entrepreneurship and Innovation

Motivazione: “La tesi fornisce un quadro internazionale aggiornato sul tema della trasformazione delle politiche di HR in modo coerente con la sfida della sostenibilità sociale; elementi distintivi sono le buone pratiche ispirate dal desiderio della proprietà aziendale di incidere in modo consapevole sul comportamento dei singoli, orientandoli alla sostenibilità

 

Fabiana Trapani

“Diversità nel contesto del lavoro: atteggiamenti verso le persone LGBT”

Corso di Laurea Magistrale in Psicologia Sociale, del Lavoro e della Comunicazione

Motivazione: “La tesi mette in luce particolari applicazioni attinenti il processo di integrazione LGBT nelle realtà aziendali, e offre spunti interessanti da applicare ai percorsi formativi rivolti a chi riveste il ruolo di responsabile della gestione del personale

 

Denise Zucchini

“Lo sviluppo professionale inclusivo e sostenibile in un gruppo di persone con vulnerabilità”

Corso di Laurea Magistrale in Psicologia dello Sviluppo e dell’Educazione

Motivazione: “La tesi si distingue per le potenziali ricadute applicative nel contesto lavorativo, con particolare riferimento ai soggetti con disabilità intellettiva, e per l’originalità nella metodologia utilizzata, che facilita le interazioni e il conseguente processo di integrazione. Apporta inoltre elementi innovativi, introducendo strumenti che permettono di porre i soggetti nelle condizioni ottimali per esprimere il loro potenziale